Traduzione giurata, legale, certificata… che confusione!

“Mi serve una traduzione giurata”
“Mi hanno detto che bisogna certificare la traduzione”
“Fate le traduzioni legali qui?”

 

Queste sono solo alcune delle cose che abbiamo sentito dire dai tanti clienti privati che si sono rivolti a noi con l’espressione del volto un po’ confusa e un documento in mano.
C’è molta confusione in questo ambito e molto spesso comuni, università ed enti pubblici contribuiscono a “ingarbugliare” la questione usando ognuno un termine diverso.

 

Partiamo dicendo che nella maggior parte dei casi i nostri clienti hanno bisogno di una procedura detta ASSEVERAZIONE. Altri hanno poi dovuto continuare con un altro step aggiuntivo, definito LEGALIZZAZIONE.

 

Asseverazione

Come funziona?
Il traduttore, dopo aver tradotto il documento, si presenta al tribunale con un plico composto dai seguenti documenti: testo in lingua originale, testo tradotto e verbale di asseverazione. Poi, davanti al funzionario, giura di aver tradotto fedelmente il testo, vengono applicate le marche da bollo (una marca sul verbale e una marca ogni 4 facciate di traduzione) e i timbri di unione. Da quel momento, originale e traduzione sono inscindibili e la traduzione assume lo stesso valore legale dell’originale.

Che tipi di testi possono richiedere questa procedura?
In linea di massima qualsiasi documento che ha bisogno di essere presentato a enti pubblici o istituzioni italiani e viceversa.

 

Legalizzazione

Come funziona?
Dopo essere stato asseverato, se necessario, il plico può essere anche legalizzato. In questo caso, al plico viene aggiunta l’apostille, ovvero un documento che certifica la firma del funzionario che ha convalidato il verbale di asseverazione appena prodotto.

Che tipi di testi possono richiedere questa procedura?
In linea di massima i documenti emessi in Italia che devono essere presentati a enti pubblici o istituzioni estere. Difatti, al momento della legalizzazione è necessario comunicare il Paese di destinazione del documento.

 

 

Quindi riassumendo,

·         se vuoi andare a frequentare un’università all’estero e ti hanno chiesto la traduzione del diploma di scuola superiore conseguito in Italia

·         se hai preso la patente all’estero e ora vuoi guidare anche in Italia

·         se devi presentare in comune la traduzione del certificato di nascita, di stato famiglia, ecc.

 

 

puoi rivolgerti a noi, lo studio di traduzioni a Thiene che si occupa delle tue pratiche di asseverazione e legalizzazione evitandoti tempi di attesa e burocrazia. Portaci il documento e a tutto il resto pensiamo noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.